Frenuli orali e problemi connessi

quando serve il dentista

Frenuli orali e problemi connessi: quando serve il dentista
7 Dicembre 2023 Studio Inserra

Il tuo sorriso è caratterizzato da un eccessivo spazio tra i denti davanti?

La causa potrebbe essere un frenulo labiale troppo corto.

I francesi definiscono il diastema dentale, cioè quello spazio tra i denti davanti, “dents du porte-bonheur”, che letteralmente significa i denti portafortuna. Anche ad Hollywood la “finestra” tra i denti è un vezzo da coltivare: basti pensare a personaggi come Vanessa Paradis, Elton John, Brigitte Bardot o Madonna, che ne hanno fatto un elemento caratteristico.

Per quanto seducente possa rivelarsi, ci sono condizioni in cui il diastema dentale porta alcune problematiche collaterali che ne impongono l’intervento.

Prima tra tutte l’impossibilità di pronunciare suoni labiodentali, come “f” e “v”, che richiedono il contatto del labbro inferiore con i denti inferiori, ma anche di consonanti labiali come “m”, “p” e “b”. Il frenulo labiale superiore, infatti, contribuisce alla mobilità del labbro superiore e alla sua capacità di aderire ai denti durante il sorriso o altri movimenti facciali. Quando è troppo corto, oltre a difetti pronuncia, può causare:

  • problemi estetici;
  • nei neonati, influenza l’allattamento, limitando la capacità di attaccarsi al capezzolo materno.

 

Diastema incisivi superiori

Diastema dentale e frenulo labiale superiore corto

Remo rema sul Reno con remi di rame: è uno scioglilingua impossibile da pronunciare?

Controlliamo il frenulo linguale.

Le consonanti alveolari, cioè che prevedono una vibrazione della lingua sul palato, come la “r” e la “l” possono essere il campanello d’allarme di un’anomalia del frenulo linguale.

Questo lembo di tessuto, infatti, collega la parte inferiore della lingua alla base della bocca e ne influenza la mobilità: un frenulo troppo corto o stretto può causare difficoltà nella deglutizione, nell’igiene orale, ma soprattutto nell’articolazione del linguaggio.

Frenulo linguale

Soffri di recessione gengivale e hai difficoltà a deglutire?

Il frenulo labiale inferiore potrebbe essere troppo corto.

Il frenulo labiale inferiore collega il labbro alla gengiva, condizionando l’aderenza ai denti durante i movimenti facciali e influisce sull’occlusione dentale, cioè sulla chiusura della bocca e sull’allineamento dei denti. Un frenulo inferiore spesso determina difficoltà di deglutizione e una recessione gengivale degli incisivi centrali inferiori.

Prima: recessione gengivale e frenulo labiale corto

Dopo: risoluzione della recessione dopo il trattamento ortodontico

Ma cosa sono i frenuli esattamente?

I frenuli sono piccoli lembi di tessuto connettivo che si trovano in diverse parti del corpo umano. Sono strutture anatomiche cruciali per il movimento e in bocca, nello specifico, ne esistono di diversi tipi. I due principali sono il frenulo linguale e i frenuli labiali.

Frenuli corti: due modi di intervenire

Si possono correggere i difetti anatomici dei frenuli attraverso due procedure chirurgiche: la frenulectomia e frenulotomia.

La frenulectomia è la rimozione chirurgica del frenulo, mentre la frenulotomia è il riposizionamento più apicale, cioè verso l’alto, del tessuto connettivo.

La frenulotomia è una procedura meno invasiva, perché coinvolge la realizzazione di un’incisione o di un taglio del frenulo senza rimuoverlo completamente.

L’intervento chirurgico prevede l’anestesia locale, l’incisione del frenulo e la sua rimozione con applicazione successiva di punti di sutura in fibre naturali come la seta o di ultima generazione come l’acido poliglicolico (PGA) o il politetrafluoroetilene (PTFE), caratterizzati da una bassa adesione batterica.

Intervento ortodontico dopo frenulotomia labiale

La rimozione dei punti avviene in studio circa 7 giorni dopo. L’intervento non è doloroso, né traumatico perché l’incisione è molto limitata. Si guarisce completamente in 15 – 20 giorni. Nei giorni immediatamente successivi alla procedura chirurgica è normale avere un po’ di gonfiore o un leggero fastidio. Sono sintomi che si risolvono in pochissimo tempo.

In ogni caso, i nostri chirurghi odontoiatri sono pronti a rispondere a tutte le tue domande o preoccupazioni prima e dopo l’intervento.

Odontoiatri e logopediste: la collaborazione massimizza i benefici

Dopo la frenulotomia, in presenza del diastema dentale, il supporto del trattamento ortodontico è indispensabile per garantire il corretto allineamento dei denti. Nei casi in cui ci siano anche difficoltà di linguaggio, il coinvolgimento di una logopedista può essere un passo significativo per garantire un completo sviluppo delle abilità linguistiche.

La logopedista è in grado di valutare le specifiche esigenze del bambino, progettare programmi di terapia personalizzati e fornire supporto per migliorare l’articolazione, la pronuncia e la fluidità verbale. Inoltre, la collaborazione tra il team odontoiatrico e la specialista del linguaggio può contribuire a massimizzare i benefici della frenulotomia, aiutando il bambino a superare le difficoltà e a sviluppare competenze di comunicazione solide.

La continuità nella cura e nel follow-up con entrambi i professionisti può fare la differenza nel raggiungimento di risultati positivi nel lungo termine.